COVID-19

LAVORO DOMESTICO E CORONAVIRUS, DOMINA FIRENZE RISPONDE

In questo periodo difficile, a causa dell’epidemia di Coronavirus, la collaborazione tra datori e lavoratori domestici è fondamentale. Non ci sono regole specifiche per il lavoro domestico da parte del Governo. Valgono, quindi, le misure di sicurezza richieste a tutti i cittadini tra cui: lavarsi costantemente le mani, mantenere la distanza di sicurezza di un metro e, in caso di sintomi riconducibili ad un presunto contagio da Covid-19, contattare il proprio medico curante il quale invierà la segnalazione all'ASL di riferimento. Per quanto riguarda l'uso della mascherina è da utilizzarsi sia all'aperto che all'interno di abitazioni dove non si è congiunti e dove non sussiste convivenza con il proprio datore di lavoro.

Qui le ultime disposizioni dal sito del Ministero della salute

mona-lisa-protection-protect-virus-41130

Domande frequenti

Quali sono le ultime misure limitative della circolazione per le badanti provenienti dai loro paesi di nascita?

Il 13 ottobre 2020 è stato varato un nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri che proroga al 13 novembre 2020 le misure precauzionali minime per contrastare e contenere il diffondersi del COVID-19 che in parte riprende e in parte modifica la disciplina in tema di spostamenti da/per l’estero già contenuta nei precedenti DPCM e nelle Ordinanze adottate dal Ministro della Salute. Anche il DPCM 13 ottobre 2020 nell'Allegato  20 individua sei gruppi di Paesi, per i quali sono previste differenti limitazioni.  Potete cliccare sul gruppo di vostro interesse per approfondire le misure precauzionali previste.

Se, per esempio, la mia badante rientra dalla Romania cosa deve fare?

La dipendente che rientra dalla Romania deve annunciare il suo rientro poiché il suo paese appartiene al Gruppo D per il quale è previsto l'isolamento fiduciario. L' abitazione dove effettuerà la quarantena sarà, ovviamente, diversa dall'abitazione del datore di lavoro in cui presta l'attività lavorativa e sarà raggiungibile solo con mezzo privato. E' vietato l'uso di mezzi pubblici dopo che è arrivata sul territorio italiano. L' annuncio di rientro dalla Romania si può fare anche on line cliccando qui accedendo al sito del Sistema Informativo Sanitario della Prevenzione Collettiva a cura della Regione Toscana. Il tempo previsto di isolamento fiduciario è stabilito per 14 giorni. In base all'aggiornamento del DPCM di dicembre 2020 se viene fatto un tampone molecolare (con esito negativo) entro le 48 ore prima del rientro in Italia è possibile evitare la quarantena e riprendere il lavoro.

Come e da chi è retribuito l'isolamento fiduciario?

L'INPS ha previsto che questo periodo debba essere riconosciuto come malattia. Sarà quindi il datore di lavoro che retribuirà la badante inserendo in busta paga 10 giorni di malattia come previsto.

Sono previsti rimborsi da Cassacolf per l'isolamento fiduciario o per il contagio da Covid-19?

Si, a causa della situazione socio sanitaria del nostro paese, la Cassacolf di comune accordo tra le parti sociali, provvede a corrispondere ai dipendenti iscritti: 

  • indennità giornaliera in caso di ricovero

  • indennità giornaliera in caso di isolamento fiduciario

A quanto ammontano le indennità previste da Cassacolf?

- Cassacolf, in collaborazione con Unisalute, in caso di ricovero con pernottamento in strutture ospedaliere, riconosce al lavoratore iscritto la corresponsione di un'indennità di euro 40,00 per ogni notte di ricovero per un periodo non superiore ai 50 giorni annui.

- Cassacolf, in collaborazione con Unisalute, secondo le prescrizioni dei sanitari e con attuazione delle disposizioni in esse contenute, qualora si renda necessario un periodo di isolamento domiciliare, eroga al lavoratore iscritto un'indennità di euro 40,00 al giorno per un periodo non superiore ai 14 giorni annui.

Files

Disponibili per il download

Abbiamo inserito alcuni files utili a vostra disposizione

Lavoro domestico e Covid-19

Breve panoramica del lavoro domestico in Italia

Istituto Superiore di Sanità

10 buoni consigli